Franchini Francesco

3 ARTICOLI
Sono iscritto alla Sezione CAI di Parma dal 1995. Nel 1996 ho iniziato a partecipare attivamente alle iniziative proposte frequentando il corso di "escursionismo di alta montagna". L' amore per la montagna e l'intensa attività che svolgevo abitualmente con i ragazzi (catechista ed animatore d'oratorio) mi ha portato, nel 1998, a prendere parte del gruppo AG come supporto agli accompagnatori del corso. Nel 2000 ho frequentato il corso sezionale per ottenere la qualifica di aiuto accompagnatore e da allora faccio parte attivamente della commissione sezionale di Alpinismo Giovanile. Nel 2005 ho frequentato I '8° corso TER per Accompagnatori di Alpinismo Giovanile ottenendo la qualifica di AAG.

articolo più letto

Il sogno di Luciano: una pallina ed una racchetta fino ad Abu Dhabi

Caro Luciano, quando hai impugnato per la prima volta la racchetta non [...]

Il sogno di Luciano: una pallina ed una racchetta fino ad Abu Dhabi

Caro Luciano, quando hai impugnato per la prima volta la racchetta non sapevi dove potesse portare la passione per questo sport ma soprattutto non sapevi di aver aver intrapreso una sorta di percorso iniziatico alla scoperta di te stesso e dei principi primi che governano la realtà. Per giocare a tennis tavolo bisogna essere volutamente “eccentrici”, un pò come le palline che si va a colpire. Già, quel colpo che con forza o con [...]

SENTIERI D’AMICIZIA – gemellaggio con Amatrice

Il gemellaggio fra i gruppi di Alpinismo Giovanile di Parma/Reggio Emilia ed Amatrice non è, forse, nato per caso. Per noi accompagnatori e soprattutto per i nostri ragazzi costruire reti relazionali e forme variegate di collaborazione è essenziale per un processo di crescita sociale finalizzato all’affermazione di valori importanti come l’amicizia, la condivisione e la solidarietà. Per questo, dopo la bellissima esperienza di un anno fa [...]

AMATRICE 6.0: UN’AMICIZIA TRA LE MONTAGNE

A volte bisogna fermarsi, sostare un momento. Un po’ come essere ai piedi di una bellissima montagna e trovare il modo di vederne gli angoli più nascosti e segreti. Era il 30 luglio 2017 e su cima Lepri si assaporava un buon venticello, utile a rinfrescare il clima estivo ed a mitigare la calura della lunga salita. Mi fermo ad osservare la piana di Amatrice, fin su alla faglia del monte Vettore, ben visibile in lontananza. Ovunque si [...]