Parma riscopre la passione del cinema a partire dai più giovani

    Il cinema con occhi nuovi: quelli delle giovani generazioni. Durante il Parma Film Festival – Invenzioni dal Vero, il distretto del Cinema si è aperto a centinaia di studenti delle scuole superiori.

    Mercoledì 14 novembre, gli studenti del liceo delle Scienze Umane Sanvitale hanno partecipato alla proiezione del film “Manuel” di Dario Albertini, nel Cinema Edison d’Essai, poi hanno preso parte a diversi laboratori, nell’Officina Arti Audiovisive, per scoprire come funziona un set cinematografico, per sperimentare il green screen, e per scoprire lo storytelling audiovisivo. Lo stesso avverrà giovedì e venerdì, con altre classi e scuole.

    Si tratta del progetto “Saper vedere, saper guardare: nuovi spettatori crescono”, che accompagna la ventunesima edizione del Parma Film Festival, con tante attività rivolte alle scuole di Parma, a cura dell’Officina delle Arti Audiovisive, in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti per lo spazio del cinema Edison d’essai. Al mattino va in scena “Cinebreakfast”, con le proiezioni al cinema rivolte alle scuole, per parlare in modo originale e non convenzionale del mondo giovanile, seguite dai laboratori guidati dai professionisti dell’Officina delle Arti Audiovisive, fra cui quello a cura della redazione di Una Bella Storia.

    Inoltre, in questi giorni, tanti studenti delle scuole superiori e dell’università, del Capas, documentano e promuovono l’attività del festival, giorno per giorno. Con un obiettivo: riscoprire la passione per il cinema, a partire dai più giovani.

    Categorie:

    ARTE | EDUCAZIONE | INNOVAZIONE

    ARTICOLI
    STORIE